Il mago di Oz: Baum

Amici lettori, ben ritrovati con il libro consigliato della settimana, davvero interessante! 😀 Vi propongo la descrizione del romanzo, buona lettura 🙂

Baum nasce a Chittentango, New York, da una famiglia facoltosa di origine tedesca. Fin da piccolo mostra passione per la scrittura, per la recitazione e per il teatro. Nel 1900 pubblica Il mago di Oz opera ben accolta dal pubblico e di gran successo, seguita poi da altri romanzi simili.

<<Ora possiamo attraversare le sabbie mobili>>

Baum si spegne all’età di 62 anni, nel 1919, mormorando una frase delle sue opere.

DESCRIZIONE:  137 pagine

EDITORE: Newton Compton Editori, Grandi tascabili economici Newton Narrativa.

PREZZO DI COPERTINA:  6,00 euro

GENERE:  Narrativa, Fantasy


TRAMA NO_SPOILER: La piccola Dorothy, una bambina che vive nel Kansas con gli zii ed un cucciolo di cane di nome Toto, dopo una tempesta si ritrova catapultata insieme a Toto in un mondo magico e non sa come tornare a casa. L’unico che può aiutarla è il famosissimo e incredibile mago di Oz! Inizia così il suo viaggio in questo misterioso mondo, dove incontrerà strani amici…

PARERE PERSONALE:  Leggere Il mago di Oz è stato molto rilassante e piacevole, secondo me è una delle più belle storie per iniziare un bambino alla lettura. Attraverso le parole si raggiungono posti magici, ricchi di colori e vivacità, dove tutto è vita.

“La bambina fu sorpresa di vedere, a mano a mano che camminava, quanto fosse bello il paesaggio intorno a lei. Ai lati della strada si alzavano armoniosi steccati, dipinti di un azzurro delizioso, oltre i quali si stendevano a perdita d’occhio orti e campi di grano…”

Il viaggio di Dorothy è stato il mio viaggio, insieme a lei ho scoperto ciò che conta di più nella vita…

“Il paese qui è ricco e piacevole, ma dovrai attraversare anche luoghi impervi e pericolosi prima di giungere alla fine del viaggio”

Bisogna avere cervello per intendere che il pensiero è fondamentale per lo sviluppo della propria individualità:

“<<Deve essere scomodo essere fatti di carne>> commentò pensieroso lo Spaventapasseri <<perché devi dormire, mangiare e bere. In ogni modo, tu hai l’intelligenza e vale la pena sopportare tante seccature, pur di essere capaci di ragionare in modo corretto>>”

Cuore affinché il nostro ego non predomini su ogni altro, altrimenti si causa l’infelicità:

“<<Io prenderò il cuore>> replicò il Boscaiolo di Latta <<perché l’intelligenza non rende una persona felice, e la felicità è la cosa più bella del mondo>>”

Coraggio per saper vivere in pace con noi stessi e con gli altri avendo cura di ogni esistenza:

“<<Sarai il benvenuto>> rispose Dorothy <<perché ci aiuterai a tenere lontane le altre bestie feroci. Mi sembra che debbano essere più vigliacche di te, se ti permettono di spaventarle tanto facilmente>>. <<In realtà lo sono>> disse il Leone <<ma questo non mi rende più coraggioso e, finché saprò di essere un codardo, sarò infelice>>”

E poi ci vuole casa, per non dimenticare mai le nostre origini, le nostre radici, e che la nostra casa è il mondo per cui dobbiamo nutrire riconoscenza e rispetto in quanto ospiti.

Cervello, cuore, coraggio e casa sono per me le parole chiave del romanzo, legate tra loro da un filo invisibile e il senso dell’una non vale se mancano le altre, resta incompleto.

Il mago di Oz è stato un romanzo vivace e pieno di riflessioni e per questo lo consiglio a tutti sia adulti che bambini.

Questa estate, portatelo con voi! E’ un simpatico libro da aggiungere in valigia e nella vostra lista di libri da leggere! 😀

E ricordatevi sempre che… leggere, è salutare!

Mia V.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *