Poetando Poesia

Amici lettori, bentrovati! 😀

LIBRI DI VERSI IN DIVERSI LIBRI… 

…vi dice qualcosa?

Ebbene sì, tante ma tante emozioni che chi poeta e poetando va, conosce bene. Perché le poesie sono come le ciliegie…

E così tra una poesia ed un’altra, tra lunghe passeggiate nelle cittadine di Avola e Noto, si è conclusa la settima edizione 2017/2018 del concorso letterario Libri di-versi in diversi libri in memoria del poeta-scrittore Corrado Carbé: 

Splendide parole sull’amata Sicilia, un amore ereditario, genetico:

Ecco i risultati della classifica:

E le copertine dei primi tre classificati:

3°posto la poetessa Salvatrice Motta con la raccolta poetica Il mio mondo. 

Bella la copertina, una giovane che guarda il cielo, lo sguardo sognante, proiettato sul mondo, sul futuro, sulla speranza. Distesa su foglie d’autunno, su di una stagione che ha vissuto primavera ed estate, una stagione saggia, che ha avuto esperienze di vita. Guardando la copertina sento, vedo, il passato (l’autunno) che accoglie il presente (la giovane) e la speranza, di un mondo migliore.

2° posto la docente Anna Parillo con la raccolta poetica Ali d’amore

Copertina luminosa, una donna con le braccia aperte nell’infinito cielo, pronta a spiccare il volo verso cielo e mare, verso l’amore infinito della vita. Ha cappello e gonna lunga, dai colori vivi, accesi, come è accesa la sua personalità, piena di vita e amore.

1° posto la docente Liliana Moreal con la raccolta poetica Diversamente… 

La copertina presenta un quadro della poetessa, Terra di carrubi- 55×45, olio su tela. Che dire? Ancora una volta la Sicilia resta indelebile nel cuore di chi la vive. E questo quadro, in questa copertina, ne rappresenta l’essenza: i muri a secco, le distese di campi dorati, i carrubi maestosi ed il cielo sempre azzurro e vivo. Che dire dell’amata terra immortale nei versi e negli occhi? Che dire? Ottima scelta.

Copertine splendide, vive, colorate:

La serata della premiazione è stata gioiosa e ogni volta sempre a sorpresa, conoscere nuovi poeti, nuove poesie, nuove personalità…

In foto i giurati presenti al concorso, in ordine da sinistra a destra: Corrado Bono, Miriam Vinci, Carmela Di Rosa; L’organizzatore Francesco Urso, la presidente della giuria Liliana Calabrese, Mariapia Astuni moglie del poeta Corrado Carbé, la vincitrice Liliana Moreal ed il poeta e giudice di questa edizione Carlo Sorgia.

Ecco il momento della premiazione:

In ordine abbiamo: Mariapia Astuni, moglie del poeta Corrado Carbé, Liliana Calabrese, la poetessa vincitrice del concorso Liliana Moreal ed il poeta Carlo Sorgia, vincitore della sesta edizione di Libri di-versi in diversi libri.

Si ringraziano tutti per la collaborazione e lo svolgimento di questo splendido concorso…

Vi lascio con una poesia della vincitrice:

DATEMI

Datemi

libbre di sale

per indurire

il cuore e

murarne le brecce.

Le più minute fessure

sigillare,

con ditate di stucco

salato di mare

o bianco di cava,

quelle che sembrano

ragnatele sottili

e piccole crepe

del tempo

su liscio vasellame.

Così ho il cuore:

solcato

come zolla di terra

rossa e pulsante,

arato con lama tagliente

nel varco raggrumato

del mio straziato stupore.

(Liliana Moreal)

 

 

 

 

 

Poeti&Scrittori del Val di Noto

Cari amici lettori, bellissime iniziative coinvolgono la Val di Noto, così come questa organizzata dall’editore Francesco Urso di poetare per il centro storico di Noto.

Un percorso che ha visto la partecipazione di molti poeti, in cui, stabilite le tappe: piazza teatro, corso (tra Cattedrale e Municipio) e Scalinata della chiesa dell’Immacolata, poetando, abbiamo creato dei ponti tra i nostri cuori, le nostre parole, e i cuori di ogni altro ascoltatore. Perché “La bellezza che salverà il mondo” è questa: l’arte, e poetando cerchiamo di risvegliare “il poeta estinto” che è dentro ognuno di noi, come un fanciullino, che timido attende di ritornare alla luce.

Accompagnati da chitarra e voce, con la partecipazione di Liliana Calabrese, moglie di Francesco Urso, e con improvvisazioni musicali piacevoli e lodevoli di Francesco Saetta,  i poeti della Val di Noto, e non solo, provenienti da tutta Italia, e qui in vacanza, hanno coinvolto anche i passanti in questa splendida passeggiata di cultura e di barocco.

Non poteva ovviamente mancare l’omaggio della carissima professoressa Maria Lucia Riccioli, alla straordinaria poetessa netina, ottocentesca, Mariannina Coffa. Perché Noto è storia, cultura, da secoli e secoli e Mariannina Coffa meglio rappresenta la poesia, e in particolar modo, la poesia che si manifesta come luce divina e improvvisa.

Piacevolissima serata, ecco a voi un altro articolo ed altre emozioni da condividere con voi.

Buona lettura amici! 😀

Poeti e scrittori del Val di Noto a confronto e PoesiAvola…

…e ricordatevi: leggere è salutare! Ciao! 😀

Mia V.